Per vedere il video devi aver accettato l'utilizzo dei cookie

Il coraggio di Milga

Un corto di Susi Infantino e Costanza Nocentini

Mungai, realizzato in collaborazione con l'azienda ospedaliera Meyer

Per vedere i video devi aver accettato l'utilizzo dei cookie
To see the video you have accepted the use of cookies



Un progetto del Programma Promozione della Salute dell'AOUMeyer  realizzato in collaborazione con la Scuola di Cinema Immagina - Firenze.

Il coraggio di Milga (prima parte) 
youtube
Il coraggio di Milga (seconda parte)
 

Il coraggio: è questo il  fil rouge che attraversa tutto il film. Il coraggio che spinge Milga, la protagonista, ad attraversare deserti e città  per capire che il viaggio più lungo è quello che porta al nostro cuore, e che per essere donna non occorre più piegarsi ad una silenziosa sopportazione, ma che si può osare  dire di NO al dolore. La storia di Milga si staglia sullo sfondo del tema, quanto mai delicato ed attuale, dell’infibulazione, una pratica dolorosa e controversa di cui si è molto discusso in questi ultimi anni, diffusa anche tra molte migranti residenti in Italia. Attraverso il racconto della sua vita, che si snoda come un lungo viaggio – Milga, bambina infibulata in un lontano villaggio dell’Africa, emigra in Italia appena adolescente; qui si inserirà professionalmente nel settore sanitario e si scoprirà giovane scrittrice; infine, ormai adulta, farà ritorno al suo paese d’origine – si disegna un cerchio che parte e ritorna al cuore di un’Africa rovente, un viaggio che è (sopra)tutto interiore, personale, scandito dal lento cigolio di un vecchio autobus e da una mano gentile di donna che scrive un libro di memorie. Fuggita dal proprio villaggio, Milga trascorre molti anni in Italia, dove vive esperienze e relazioni che la portano a  maturare una consapevolezza nuova di se stessa e della vita. Attraverso la conoscenza e l’integrazione di nuove culture e rappresentazioni sociali, si fa portatrice di valori nuovi, anche e soprattutto nella sua terra, in cui fa ritorno ormai adulta; qui trasmetterà la propria esperienza, leggendo alle bambine del suo villaggio le pagine del libro della sua stessa vita. La metafora del viaggio ed il tema della comunicazione, intesa come ricerca di scambio e di confronto tra i vari soggetti, rappresentano i cardini di quel processo di integrazione che coinvolge la protagonista e non solo; simbolicamente, mentre il libro passa di mano in mano tra le bambine, i valori nuovi in cui ormai anche Milga si riconosce, vengono trasmessi alle nuove generazioni. Sono le parole appena accennate, le immagini e le emozioni che queste suscitano, a tessere la trama di questo cortometraggio che ha cercato di mettere in scena un processo di integrazione che, in qualche modo,  anche l’équipe ha sperimentato, durante le fasi di lavorazione, nel permettere l’incontro, il confronto e la collaborazione tra popolazioni e stili di vita e di pensiero talvolta profondamente diversi. 

 

 

Firenze – Un docufiction che con la forza della semplicità affronta il tema della tutela dei diritti dei bambini e delle bambine, mostrando la strada del cambiamento di identità culturali legate alla pratica delle mutilazioni genitali femminili (MGF). Parliamo de “Il Coraggio di Milga”, il film che sarà proiettato in anteprima venerdì 13 marzo alle ore 17 nell’Aula Magna dell’Ospedale Pediatrico Meyer. 
L’iniziativa, organizzata da Il Programma Promozione della Salute dell’Ospedale Pediatrico Meyer e dalla Scuola di Cinema Immagina realizzata con il contributo della Fondazione Meyer, non si ferma alla visione del cortometraggio (una copia omaggio del video verrà distribuita a quanti parteciperanno), ma proseguirà con un momento di confronto e riflessione. E’ infatti prevista la tavola rotonda a cui parteciperanno Simona Galbiati (Unicef Research Centre), Massimo Toschi (Assessore Regione Toscana), Susanna Agostini (Comune di Firenze Commissione Sanità), Celestin N’Guessan (ONG Meconstruire), Omar Hussen Abdulcadir (Centro Riferimento Regionale Cura e Prevenzione MGF – AOU Careggi), Anna Zappulla (AOU Meyer), Giulia Capitani (ONG Ucodep), Giuseppe Ferlito (Scuola Cinema Immagina). Moderatore sarà Fabrizio Simonelli (Programma Promozione della Salute AOU Meyer). Il progetto che ha ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri di Regione Toscana, Provincia e Comune di Firenze, ha già ricevuto apprezzamenti nazionali e internazionali (è tra l'altro finalista del Premio Comunicazione Sociale 2009). Il coraggio: è il fil rouge che attraversa tutto il film: Il coraggio che spinge Milga – la protagonista del film, ad attraversare deserti e città per capire che il viaggio più lungo è quello che porta al nostro cuore e che, per essere una donna, non occorre piegarsi ad una silenziosa sopportazione,ma che si può osare e dire no al dolore. Un film che è più di un film, è consapevolezza personale, un cammino verso il cambiamento di identità e quindi verso un nuovo processo culturale, tutto al femminile. 

LA TRAMA - La storia di Milga si staglia sullo sfondo del tema, quanto mai attuale e delicato, dell’infibulazione. Attraverso il racconto della sua vita, che si snoda come un lungo viaggio – da un lontano villaggio dell’Africa dove Milga viene infibulata fino all’Italia, Paese dove diventa operatrice sanitaria e scrittrice e nuovamente l’Africa dove ritorna -, il film evidenzia come la consapevolezza che Milga acquisisce nel confronto con altre culture e altre esperienze diventi quel fattore capace di portare valori nuovi laddove la sua vita era iniziata. 
Pubblicato il 11.03.2009
Fonte: www.intoscana.it

Un docufiction con la forza della semplicità Promozione della Salute (HPH) presenta: “Il Coraggio di Milga” Anteprima al Meyer del docufiction contro le mutilazioni genitali femminili (MGF)

Firenze - Un docufiction che con la forza della semplicità, affronta il tema della tutela dei diritti dei bambini e delle bambine, mostrando la strada del cambiamento di identità culturali legate alla pratica delle mutilazioni genitali femminili (MGF). Parliamo de "Il Coraggio di Milga", il film che sarà proiettato in anteprima venerdì 13 marzo alle ore 17 nell'Aula Magna dell'Ospedale Pediatrico Meyer. L'iniziativa, organizzata da Il Programma Promozione della Salute dell'Ospedale Pediatrico Meyer e dalla Scuola di Cinema Immagina realizzata con il contributo della Fondazione Meyer, non si ferma alla visione del cortometraggio (una copia omaggio del video verrà distribuita a quanti parteciperanno), ma proseguirà con un momento di confronto e riflessione. E' infatti prevista la tavola rotonda a cui parteciperanno Simona Galbiati (Unicef Research Centre), Massimo Toschi (Assessore Regione Toscana), Susanna Agostini (Comune di Firenze Commissione Sanità), Celestin N'Guessan (ONG Meconstruire), Omar Hussen Abdulcadir (Centro Riferimento Regionale Cura e Prevenzione MGF - AOU Careggi), Anna Zappulla (AOU Meyer), Giulia Capitani (ONG Ucodep), Giuseppe Ferlito (Scuola Cinema Immagina). Moderatore sarà Fabrizio Simonelli (Programma Promozione della Salute AOU Meyer). Il progetto che ha ricevuto il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri di Regione Toscana, Provincia e Comune di Firenze, ha già ricevuto apprezzamenti nazionali e internazionali (è tra l'altro finalista del Premio Comunicazione Sociale 2009).

Il coraggio: è il fil rouge che attraversa tutto il film: Il coraggio che spinge Milga - la protagnosta del film, ad attraversare deserti e città per capire che il viaggio più lungo è quello che porta al nostro cuore e che, per essere una donna, non occorre piegarsi ad una silenziosa sopportazione,ma che si può osare e dire no al dolore. Un film che è più di un film, è consapevolezza personale, un cammino verso il cambiamento di identità e quindi verso un nuovo processo culturale, tutto al femminile.


Pubblicato il 10.03.2009 
Fonte: www.newsway.it

Cortometraggi 2018

Cortometraggi 2017

Cortometraggi 2016

Cortometraggi 2015

Cortometraggi 2014

Cortometraggi 2013

Cortometraggi 2012

Cortometraggi 2011

Cortometraggi 2010

Cortometraggi 2009

Cortometraggi 2008

Cortometraggi 2007

Cortometraggi 2006

Cortometraggi 2005

Cortometraggi 2004

Cortometraggi 2003

Cortometraggi 2000

Cortometraggi 1998

Cortometraggi 1996

Cortometraggi 1997

Cortometraggi 1995

Cortometraggi 1994

Cortometraggi 1992

Cortometraggi 1989